Lunedì, 25 Giugno 2018 09:48

NUOVI RICORSI PER L'INSERIMENTO IN GAE

Pubblicato in Precari della scuola

E' stato pubblicato in data 21 giugno 2018 il nuovo decreto di aggiornamento delle GAE. 

Le azioni legali che consigliamo fortemente sono quelle per le categorie degli AFAM vecchio ordinamento, dei congelati SSIS e dei depennati.

Per le altre categorie, considerando anche l'ordientamento espresso nell'Adunanza Plenaria del Consglio di Stato sulla nota vicenda degli insegnanti in possesso di diploma di maturità magistrale, riteniamo di non procedere. Tuttavia, qualora dovessero esserci mutamenti giurisprudenziali, allo stato non prevedibili, vi saranno i termini per proporre ricorso straordinario anche per altre categorie.

Si rappresenta che, per coloro che hanno fatto ricorsi con il nostro studio legale in qualità di insegnanti in possesso di diploma di maturità magistrale conseguito entro l'a.s. 2001/2002, non è assolutamente opportuno proporre nuove azioni legali finalizzate all'inserimento in GAE. Lo si ripete: non è assolutamente opportuno.

Le adesioni dovranno pervenire entro il 5 agosto 2018.

Per accedere alle nostre azioni, dovrete seguire quanto previsto ai seguenti link:

  1. Docenti in possesso di diploma AFAM. Per aderire al ricorso cliccare qui.
  2. Congelati SISS. Per aderire al ricorso cliccare qui.
  3. Docenti depennati dalle graduatorie per mancato aggiornamento. Per aderire al ricorso clicca qui;

Per presentare ricorso sarà necessario presentare la domanda di inserimento in GAE nei termini stabiliti dal MIUR e il cui modello si rimette in allegato alla presente, inoltrandola al MIUR e all'USP, per il cui invio potrete richiedere l'ausilio dell'associazione ADIDA all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Si specifica che, trattasi di uno studio legale, dunque, non vi sono costi aggiuntivi di tessere e trattenute sindacali. Lo studio collabora con i movimenti e le associazioni più libere di docenti, che spesso e volentieri, agiscono gratuitamente, coadiuvando i ricorrenti, anche per le fasi più complesse e collabora con i sindacati ritenuti più affidabili, concreti e seri che spesso si diversificano in base alla sede territoriale in cui sono presenti.

Si ribadisce che il ricorrente avrà contatto solo con lo studio legale, senza alcuna indicazione che esuli dalla propria sfera di competenza giuridica e tecnica.

Precisiamo infine che, in caso di rinuncia o revoca del mandato, i prezzi pattuiti rimarranno gli stessi, senza chiedere parcelle piene, che altre strutture accompagnano alla revoca al mandato, per tenere vincolati i propri iscritti. 

Trattasi di un ricorso di natura collettiva dove non è possibile avanzare richieste individuali e le comunicazioni interverranno collettivamente tramite il nostro sito internet, tramite e mail collettive inoltrate in ogni fase processuale, su canali social, riunioni pubbliche tramite le piattaforme team speak con diretta partecipazione degli interessati e con riunioni de visu in vari punti dell’Italia alla presenza degli avvocati dello studio legale.

 

Visite oggi 962

Visite Globali 2456245