Domenica, 22 Luglio 2018 17:57

Aggiornamento delle G.I. del personale docente: ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. Dopo gli ITP in II fascia anche gli AFAM

Pubblicato in Precari della scuola

Come noto, l’ultimo aggiornamento delle G.I. del personale docente per il triennio 2017/2020 si è concluso il 24 giugno del 2017, data ultima per poter presentare la relativa domanda di inserimento.

Il nuovo DDG, pubblicato in data 11.05.2018, disciplina l’integrazione delle graduatorie di istituto del personale docente, secondo quanto già previsto dalle precedenti disposizioni dei D.M. n. 326/2015 e n. 335/2018.

Lo Studio legale sta predisponendo il ricorso straordinario innanzi al Presidente della Repubbloca volto a tutelare la posizione delle seguenti categorie, a nostro avviso lese dal suindicato provvedimento:

A. Insegnanti in possesso di diploma ITP. – Tutte le informazioni al seguente link.

Possono aderire all’azione:

1. Diplomati ITP inseriti in III fascia delle G.I.

2. Diplomati ITP non inseriti in alcuna fascia.

3. Insegnanti con diploma ITP valido per l’insegnamento per la classe di concorso A66. – Tutte le informazioni al seguente link.

Trattasi di un ricorso esperito in via cautelativa, anche in virtù del fatto che tutta la vicenda dei docenti ITP è rimessa all’esito dell’udienza innanzi al Consiglio di Stato del prossimo 5 luglio relativa al procedimento di impugnazione della nota “sentenza madre” pronunciata dall’On.le Tar del Lazio.

B. Insegnanti in possesso di titolo AFAM. – Tutte le informazioni al seguente link.
 La volontà di riaprire tale ricorso è dovuta alla recente grande vittoria avuta in data 18 giugno 2018 dinanzi al Consiglio di Stato che ha consentito l'immissione in II fascia delle G.I. dei ricorrenti. Detta pronuncia sarà comunque da confermare all'udienza del 20 settembre 2018. Si precisa che a seguito di tale ammissione in II fascia, i ricorrenti sono stati ammessi alla partecipazione alla fase semplificata del FIT.

C. Insegnanti in possesso di dottorato di ricerca. – Tutte le informazioni al seguente link 

D. Insegnanti in possesso di diploma magistrale linguistico. – Tutte le informazioni al seguente link.

E. Insegnanti con titolo di abilitazione conseguito all’estero. – Tutte le informazioni al seguente link.

F. Insegnanti in possesso di diploma ISEF. - Tutte le informazioni al seguente link

Possono aderire all’azione:

1. Insegnanti in possesso di abilitazione conseguita all’estero, ma che non hanno ottenuto il riconoscimento ministeriale entro il 24 giugno 2017.

2. Insegnanti che conseguiranno l’abilitazione all’estero dopo il 4 giugno 2018.

Ferme restando le possibili eccezioni di tardività collegate alla sola impugnazione del Decreto 784/2018, si rappresenta che trattasi, plausibilmente, dell’ultima opportunità per impugnare un decreto di aggiornamento delle graduatorie, avviando così la procedura giudiziale per il riconoscimento del valore abilitante del titolo. Conseguentemente, si consiglia vivamente l’adesione a tutti i soggetti che non hanno mai esperito alcuna azione giudiziale in tal senso.

 

Da un punto di vista meramente operativo l’aggiornamento delle graduatorie di istituto è prevista per le seguenti categorie:

 1. docenti inseriti nelle graduatorie della III fascia che acquisiscono il titolo di abilitazione ai fini dell’attribuzione della precedenza sulle supplenze dalla medesima fascia;

2. docenti che hanno acquisito il titolo di abilitazione, per la scuola dell’infanzia e primaria e per la scuola secondaria di I e II grado, entro il 1° febbraio 2018;

3. docenti che hanno conseguito il titolo di specializzazione per il sostegno;

4. docenti che, unitamente al titolo di abilitazione già in loro possesso, hanno conseguito il titolo di specializzazione per il sostegno;

5. docenti di scuola dell’infanzia e primaria iscritti nelle G.I. di II fascia con la domanda presentata entro il 24 giugno 2017 che hanno prestato servizio presso le c.d. sezioni primavera dall’a.s. 2007/2008 al 24.06.2017.

Tuttavia, il decreto permette unicamente l’inserimento in un elenco aggiuntivo alla graduatoria di inizio triennio, cui l’Amministrazione attingerà per le eventuali chiamate una volta esaurita la II fascia. Nella sostanza, quindi, si prevede una collocazione “in coda” alla II fascia che resterà invariata rispetto all’aggiornamento intervenuto con il precedente D.M. 374 del 2017 fino alla conclusione del triennio.

A nostro avviso è necessario che tutti coloro i quali hanno già avanzato ricorso, e che sono stati inseriti con riserva nella II fascia delle G.I., inoltrino regolare domanda di aggiornamento qualora rientranti nelle categorie sopra elencate.

Allo stesso modo, sollecitiamo le seguenti categorie ad inoltrare la suindicata domanda di aggiornamento:

- soggetti che hanno inoltrato la domanda di aggiornamento delle G.I. tardivamente;

- soggetti che, nonostante il provvedimento cautelare ottenuto, non sono mai stati inseriti in II fascia;

- soggetti che non sono mai stati inseriti in G.I.;

- soggetti che hanno esperito un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per cui non vi è stata ancora alcuna pronuncia;

- tutti coloro che necessitino di “regolarizzare” la propria posizione.

ATTENZIONE: CHI INTENDE AVVIARE UN RICORSO DEVE PRESENTARE LA DOMANDA DI AGGIORNAMENTO DELLE G.I.

Pur essendo uno studio legale specializzato in materia scolastica non collegato ad alcun partito e sindacato nazionale, forniremo delle indicazioni collettive che potranno essere affiancate da quelle fornite dall’associazione ADIDA o da altre associazioni a seconda del Vostro territorio di riferimento.

 

Visite oggi 503

Visite Globali 2487576