Numero chiuso

Venerdì, 04 Novembre 2011 10:07

Vittoria a Napoli sui test errati!!

Scritto da
Pubblicato in Numero chiuso
Il TAR Napoli accoglie le censure in merito alla erroneità dei quesiti presentati agli studenti. I ricorrenti, esclusi dal corso di laurea cui da sempre avevano aspirato, avevano impugnato la loro mancata ammissione deducendo l'erroneità, l'imperfezione e comunque l'inidoneità allo scopo selettivo dei quesiti somministrati dal MIUR a tutti gli aspiranti medici nell'anno accademico 2009/2010. Facevano notare come, nonostante gli scandali passati, ancora una volta, una nutrita commissione di esperti di parte, affermava con certezza che su ben 23 quesiti sugli 80 somministrati vi erano errori e/o imperfezioni tali da consentire, in qualche caso, addirittura la possibilità di non avere…
PARTONO I RICORSI PER I CANDIDATI A MEDICINA DELL’UNIVERSITA’ DI MESSINA DALL’A.A. 2007/2008 (A.A. 2011, 2010, 2009, 2008 E 2007) E PER TUTTI GLI ATENEI OVE E’ STATA VIOLATO IL PRINCIPIO DELL’ANONIMATO. Con un provvedimento definitivo il Consiglio di Stato di Roma accoglie i ricorsi presentati avverso l’Università di Messina, ritenendo violato il principio dell’anonimato. "appare particolarmente fondata la censura di violazione del principio dell’anonimato delle prove da correggere. A questo riguardo occorre rilevare che la Commissione ha fatto annotare, accanto al nome di ciascun candidato il numero di codice CINECA riservato, numero la cui funzione è quella di consentire…
Ammesso un nostro ricorrente al corso di laurea in Disegno Industriale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Il TAR Lazio riconoscendo la fondatezza delle censure da noi sollevate in merito alla istituzione stessa del numero chiuso per il corso di Disegno Industriale, sancendo la irregolarità ed illegittimità della procedura espletata dall’Amministrazione per la selezione dei candidati, ha ammesso lo studente al corso di laurea. Di seguito il provvedimento TAR Lazio
Test di ammissione e studenti in condizioni di handicap: l'Amministrazione ha l'onere di provvedere a reperire gli strumenti richiesti dal candidato per sostenere la prova Lo Studio Legale dell’Avvocato Michele Bonetti ottiene una nuova vittoria nella difesa dei diritti degli studenti, o forse meglio, delle persone. Una giovane studentessa affetta da cecità aveva partecipato alla prova per l'ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia. Seppur legittimamente avesse richiesto l'ausilio di un computer con linguaggio breille, trovava accanto a sé solo un tutor.
UN’ALTRO STUDENTE POTRA’ DEFINITIVAMENTE STUDIARE. La recentissima sentenza del Tar del Lazio, che si riporta di seguito e ottenuta dallo studio legale dell’Avvocato Michele Bonetti, afferma ancora una volta che le domande se errate o con più risposte esatte possono dar luogo all’attribuzione di punteggio con ammissione degli studenti in sovrannumero. Ancora una volta un altro studente potrà studiare con una sentenza definitiva. Leggi la sentenza
L’Università di Brescia è nel mirino dell’Udu a seguito di gravissime irregolarità verificatisi durante la prova di Professioni Sanitarie. Nel test sono state annullate ben quattro domande ed è già pronto un grande ricorso collettivo diretto a censurare una serie di gravissime irregolarità. L’adesione al ricorso è completamente libera e senza oneri e mira a ripristinare la legalità violata. Per maggiori info sui ricorsi scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contatta direttamente l’Unione degli Universitari di Brescia. Leggi l'approfondimento sul Giornale di Brescia
Crolla ancora una volta il numero chiuso romano che quest’anno presenterà una graduatoria unica per tutte le facoltà dell’area medica (da Odontoiatria a Medicina, Farmacia e Psicologia). L’UDU si sta già preparando per un grande ricorso collettivo. Vedi provvedimento del TAR Lazio

Visite oggi 123

Visite Globali 3190862