Vota questo articolo
(13 Voti)
Lunedì, 17 Settembre 2018 15:46
Scritto da 

RESOCONTO DELLE RIUNIONI TENUTESI IN DATA 5,6,7 SETTEMBRE

Carissimi,

come da molti richiesto e sperando di farVi cosa gradita, Vi rimettiamo di seguito un breve resoconto delle riunioni tenutesi nei giorni scorsi presso lo studio.

E’ circostanza innegabile che la molteplicità di problematiche affrontate rende poco agevole un’operazione di sintesi in grado di rispondere ad i numerosi interrogativi cui si è dato risposta durante tre lunghi ed intensi giorni.

Colgo a proposito l’occasione per ribadire l’importanza di riunioni come quelle dei giorni scorsi che hanno certamente rappresentato una valida occasione per comprendere problematiche generali e per avere risposte in merito a situazioni del tutto personali e peculiari.

Le riunioni si sono infatti svolte alla presenza di diversi esponenti di sindacati ed associazioni attive nella tutela dei diritti degli insegnanti e si sono altresì rilevate una preziosa occasione di confronto e di analisi delle molteplici problematiche da riguardano il mondo della scuola.

Come anticipatoVi attraverso e-mail, il sito internent ed i social, le riunioni hanno nello specifico affrontato le una serie di problematiche in relazione alle quali si riporta e si integra quanto già rappresentato dall’ADIDA nelle comunicazioni ai propri associati:

  1. QUESTIONE DIPLOMATI MAGISTRALE

E’ superfluo ripercorrere le vicende relative al diploma di maturità magistrale, ben note a tutti noi. Si sottolinea, tuttavia, che in mancanza di provvedimenti negativi che Vi riguardino direttamente, la Vostra posizione non è modificata e potete stipulare contratti sia da GAE che da GI anche a tempo indeterminato, qualora e se ne ricorrano le condizioni.

In mancanza di provvedimenti giurisdizionali sfavorevoli, dovete esigere il rispetto della Vostra posizione in graduatoria, sebbene con riserva, dal momento che nessuna discrezionalità è lasciata alle amministrazioni.

Al momento nessuno dei ricorsi da noi patrocinato ha avuto la fissazione dell’udienza di merito, ciò vuol dire che non vi sarà nell’imminenza una decisione definitiva che ad oggi, purtroppo, risulterebbe negativa. Fino a quel momento, comunque, i Vostri provvedimenti cautelari rimangono pienamente efficaci e gli Uffici DEVONO eseguirli anche se non è stato proposto ricorso per l’ottemperanza.

Alcuni USP, difatti, stanno consentendo la stipula di contratti solo a coloro che hanno ottenuto un provvedimento specifico per l’esecuzione delle ordinanze di inserimento in GAE. Tale comportamento è illegittimo, pertanto insistete per ottenere il contratto che Vi spetta.

In caso di problematiche legate alla riserva processuale, al fine di venire ancora una volta incontro alle Vostre esigenze, Vi rimettiamo di seguito il link ove troverete diversi modelli di diffida che a seconda della specifica situazione personale, potrete scaricare gratuitamente, compilare ed inoltrare all’Amministrazione competente.

Rappresentiamo che trattasi di modelli generici rimessi a titolo gratuito su Vostra richiesta e che ognuno di Voi dovrà e potrà adattare al caso specifico.

  1. QUESTIONE ITP II FASCIA e GAE

Al riguardo come più volte rappresentato ad ognuno di Voi, non ci sono provvedimenti cautelari positivi che possano confermare il Vostro inserimento in II e, causa di tale circostanza, alcune scuole stanno depennando i ricorrenti.

Sul punto è doveroso rappresentare che sono già stati proposti ricorsi dinanzi al Consiglio di Stato al fine di ottenere in quella sede la modifica delle pronunce negative intervenute al T.A.R. e che altresì lo studio si adopererà affinché l’iter processuale, seppur in sede cautelare, possa compiersi con successo ed in tempi celeri.

Di contro, nei casi in cui risultiate ancora inseriti in II fascia è possibile stipulare contratti.

Il depennamento dalle GAE, invece, ha riguardato la gran parte di Voi e sul punto riteniamo ad oggi poco prudente sollecitare nuove pronunce da parte dell’autorità giudiziaria visto l’orientamento negativo pressoché unanime assunto dalla giurisprudenza amministrativa.

Pertanto chi ha nelle more sottoscritto contratti di lavoro a tempo Indeterminato, al momento, prosegua questo rapporto di lavoro, nell’attesa che attraverso le procedure FIT, cui eventualmente accedere anche con riserva, possa appianarsi la problematica poc’anzi descritta.

  1. QUESTIONE FIT per ITP, AFAM, DOTTORI DI RICERCA

Come noto, le ammissioni con riserva sono all'ordine del giorno e, sulla legittimità della procedura concorsuale vi è stata la rimessione alla Corte Costituzionale da parte del Consiglio di Stato (per informazioni ulteriori visitate il link

La battaglia a favore del titolo di dottorato aveva avuto positiva delibazione, in accoglimento delle azioni proposte dagli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, gli stessi patrocinatori del procedimento rimesso alla Corte Costituzionale, per ottenere l’ammissione al primo concorso de “La Buona Scuola” sostenendo la conformità del percorso abilitante rispetto a quello di dottorato e la circostanza che in ambito universitario ai dottorati sia consentita la possibilità di insegnare.

La recente Ordinanza di rimessione alla Corte Costituzionale (che si rimette in allegato alla presente), pronunciata dal Consiglio di Stato, porterà ad una pronuncia ulteriore in merito alla legittimità della procedura concorsuale in parola nella parte in cui contempla la Vostra esclusione tra il novero dei candidati.

E’ altresì di questi giorni la notizia che il Consiglio di Stato si è pronunciato sui ricorsi relativi alla c.d. concorso riservato disponendone l’accoglimento in sede cautelare con rimessione alla Corte Costituzionale sul caso dei dottorati e precari storici della scuola, nei quali gli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia  avevano sollevato questione di legittimità costituzionale relativamente al Decreto Legislativo del precedente governo e sul cui impianto normativo è strutturato anche il prossimo concorso straordinario.

Come si ricorderà, la questione del titolo di dottorato e della sua equipollenza con il percorso di abilitazione all’insegnamento scolastico (attenzione non rispetto all’abilitazione in se ma con riferimento ai rispettivi percorsi) era tornata di attualità, conquistando le prime pagine dei quotidiani nazionali, nell’ambito dell’ammissione al concorsone del 2016. Un tema, sopito per anni, che gli Avvocati Bonetti e Delia hanno portato all’attenzione nazionale con una serie di contenziosi volti a ridare forza ad un nuovo dibattito prima ancora che giudiziario politico e di riforma sul valore del più alto titolo di istruzione europeo.

Il dottorato di ricerca, come è noto, è il più alto titolo di studio conseguibile in Italia come nel resto d’Europa e le azioni attualmente in corso, più che ottenere il singolo ed episodico risultato per il singolo docente, mirano a riattivare un nuovo confronto politico istituzionale che, in un’ottica di riforma del sistema, valorizzi le competenze acquisite dai dottorati non escludendoli ma anzi enfatizzando le loro caratteristiche nell’ambito dell’insegnamento scolastico. Si tratta, dunque, di un’ampia strategia che, necessariamente, deve partire dal contenzioso per giungere ad un auspicato riconoscimento istituzionale del titolo. In tal senso sono in corso petizioni e istanze anche a livello europeo su cui si attendono importanti pronunciamenti.

Inoltre, per quanto riguarda i ricorsi volti ad ottenere la partecipazione al FIT anche per le altre categorie di insegnanti, quali ITP ed AFAM, il TAR Lazio ha confermato l’orientamento espresso dal Consiglio di Stato che, solo qualche settimana fa, come chiarito, aveva rimesso la questione alla Corte Costituzionale, ammettendo, con riserva, i nostri ricorrenti a partecipare alla procedura concorsuale FIT. 

Alcuni di Voi, titolari di provvedimenti favorevoli, dopo essere stati ammessi alle prove, hanno già sostenuto le stesse e addirittura, in alcuni casi, stipulato contratti.

In altri casi, invece, gli Uffici tardano a calendarizzare le prove o non ottemperano ai provvedimenti.

In tali casi è opportuno sollecitare gli uffici competenti anche con le diffide che potrete scaricare gratuitamente dal sito al seguente link.  

Anche in questo caso rappresentiamo che trattasi di modelli generici rimessi a titolo gratuito su Vostra richiesta e che ognuno di Voi dovrà e potrà adattare al caso specifico.

Ciò premesso, restiamo a Vostra disposizione per ogni eventuale ed ulteriore evenienza.

Letto 1145 volte

Visite oggi 699

Visite Globali 2629364